Archivio mensile:marzo 2013

Sex und Krauti

Schermata 2014-04-05 a 22.18.27«Chi crede di poter saltare questo capitolo si perde qualcosa», avvertono le due autrici introducendo la sezione più scientifica di “Make Love”, il manuale illustrato di educazione sessuale per ragazzi che, uscito in Germania lo scorso luglio, si è presto affermato nelle classifiche tedesche come sorprendente bestseller dell’anno. L’avvertimento premesso al capitolo che, alla schiettezza del titolo “Giù i pantaloni!”, fa seguire la più accurata descrizione di anatomia, fisionomia e carattere del corpo maschile e femminile, può valere per tutto il volume: chi crede di non averne bisogno si priverà di un grande divertimento. Chi crede di sapere già tutto vi farà ancora delle belle scoperte. E non si pensa tanto alla prova dell’esistenza del “bottone dell’orgasmo”, alla moda di acconciar la selva oscura con una rasatura brasiliana “Hollywood cut”, alla manovra dell’“elicottero” o alla tecnica della carezza “cento farfalle”. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Destrieri danzanti

Schermata 2015-09-03 a 15.40.29È capace di lanciarsi in un galoppo talmente lento, armonioso e leggero da permettere al cavaliere che gli sta in groppa di tenere tra le braccia un neonato addormentato senza svegliarlo. Sa riconoscere il ritmo di un walzer di Strass, una marcia di Händel, un minuetto di Chopin, e batterne il tempo saltellando in punta di zoccoli come una ballerina in punta di scarpette. Può levarsi con grazia nella posa di una monumentale impennata controllata in cui il generale trionfante saluta il suo sovrano e, senza tradire sforzo, staccare da terra anche le zampe posteriori per scalciare: una mossa micidiale studiata per finire il nemico in un sol colpo che figura come un volo prodigioso, una pura esplosione di forza. Ma la purezza di questo animale dalle movenze cullanti, danzanti, esplosive salta all’occhio al primo sguardo, esibita nella bianchezza immacolata del suo mantello. Non è una caratteristica nativa. Si tratta di una qualità acquisita, conquistata con fatica, come le sue glorie militari e come l’impeccabile contegno del damerino che, a dispetto dei suoi cinquecento chili di corporatura, è in grado di volteggiare in una sala da ballo senza far tintinnare i lampadari.

Il cavallo lipizzano infatti, il più nobile dei destrieri, allevato dal 1580 a Lipizza e destinato per secoli alle scuderie imperial-regie degli Asburgo, all’Alta Scuola di Equitazione Spagnola di Vienna e alle file dell’esercito austro-ungarico, nasce nero. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,
Annunci